I marziani a New York

un-uomo-senza-patria-kurt-vonnegut-L-ix1nzg

Allora, dunque, ho da darvi una notizia buona e una cattiva. La notizia cattiva è che i marziani sono atterrati a New York e soggiornano al Waldorf Astoria. La notizia buona è che mangiano solo barboni, donne e bambini di ogni razza, e pisciano benzina.

Se mettete quel piscio in una Ferrari, potete andare a duecento all’ora. Se lo mettete in un aeroplano, potete andare veloci come un fulmine e gettare robaccia di tutti i tipi in testa agli arabi. Se lo mettete in un pulmino, servirà a portare i ragazzi avanti e indietro da scuola. Se lo mettete in un’autobotte, servirà a portare i pompieri sul luogo dell’incendio in modo che possano spegnere le fiamme. Se lo mettete in una Honda, vi porterà al lavoro e poi a casa.

E ancora non vi ho detto cosa cacano i marziani. Uranio. Ne basta uno per dare luce e riscaldamento a tutte le case, le scuole, le chiese e i negozi di Tacoma.

Ma, scherzi a parte, se vi tenete al corrente dei fatti di attualità sui tabloid che vendono al supermercato, sapete già che una squadra di antropologi marziani sta studiando la nostra cultura da dieci anni, dato che la nostra cultura è l’unica che valga quattro soldi su tutto il pianeta. Il Brasile e l’Argentina, per esempio, si possono tranquillamente ignorare.

Comunque sia, la settimana scorsa i marziani se ne sono tornati a casa, perché sapevano quanto stava per diventare grande il riscaldamento globale. Il veicolo aerospaziale su cui viaggiavano, fra parentesi, non era un disco volante. Era più che altro una zuppiera volante. E sono omini piccoli, è vero, alti solo una quindicina di centimetri. Però non sono verdi. Sono lilla.

E la loro piccola comandante lilla, a mo’ di addio, ha detto con la sua vocina piccina picciò che c’erano due cose della cultura americana che nessun marziano sarebbe mai riuscito a capire. “Che ci troverete”, ha squittito, “che ci troverete mai, nei pompini e nel golf?”.

Kurt Vonnegut, Un uomo senza patria, Minimum fax, 2006, 11,50 €.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: