Betamax

[Mattia Filippini, da Ciarlatani (titolo provvisorio)]

Avevo raccolto da terra una videocassetta senza custodia: era una Betamax, come dovevano essere tutte le altre. Questo significava che tutta l’esposizione era praticamente inguardabile, se non dai pochi collezionisti che possedevano un apparecchio adatto all’inusuale formato da molto tempo fuori mercato a favore dei più comuni e comunque obsoleti Vhs.

La collezione di quelle inutilità era comunque notevole: il criterio scelto doveva essere stato quello dei titoli più strani e dei film più brutti mai prodotti. Affascinato, avevo passato un po’ di tempo a leggerli e a guardare le orrende immagini di copertina.

C’erano i documentari su animali inusuali e violenti: Piranha volanti assassini, Squali volanti assassini, Anguille elettriche volanti assassine, ognuno corredato da immagine anatomica e nome scientifico dell’implausibile essere. Poi, in cofanetto: Terrore dal mare, Terrore dal cielo, Terrore dalla terra, Terrore nell’aria, Terrore dallo spazio e, in edizione limitata, Terrore dallo spazio profondo. E ancora i Betamax dedicati alle calamità personificate e senzienti: Terremoti assassini, Vulcani killer, Fulmini a ricerca intelligente, Il Tornado che uccise molti, Monsoni distruttori e assassini. Tutti quanti avevano per occhiello questa frase: Vengono per te e non puoi fuggire da nessuna parte.

Si saliva di livello con: Violenza a una vergine nella terra dei morti viventi, Cinque superman contro i nani venuti dallo spazio, Il cervello che non voleva morire, L’uomo che non poteva essere impiccato, Gli uomini coccodrillo, Le tombe dei resuscitati ciechi, Kraa! Il mostro marino, I mostri delle rocce atomiche, Q il serpente alato, Babbo natale conquista i marziani, Astro zombies.

Per finire con: Maciste alpino, Maciste poliziotto, Maciste innamorato, La rivincita di Maciste, Maciste contro maciste, Maciste e il cofano cinese, Maciste contro lo sceicco, Maciste contro il vampiro, Maciste contro Ercole nella valle dei guai, Zorro contro Maciste, Maciste contro i Mongoli, e giustamente: Maciste in vacanza.

Contrassegnato da tag , , ,

One thought on “Betamax

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: