Soggetti smarriti su Finzioni Magazine

Maggio si è chiuso con una recensione di Jacopo Donati del mio libro, apparsa su Finzioni Magazine, rivista assaj cara a noi tupoleviani. Beccatevi lo testo qui sotto.

Alcune librerie espongono dei cartelli con famose citazioni sulla lettura. Una delle più famose è di Salinger:

“Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l’autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira.”

Mazzardicopert Enrico Mazzardi | Soggetti smarriti

Leggere un bel libro non mi ha mai fatto questo effetto (DFW a parte). Piuttosto vorrei telefonare ai personaggi: come sta Pickwick nella sua casa di campagna? E la bella Mardou Fox? Frederic Henry? Ci sono migliaia e migliaia di personaggi dei quali vorrei avere notizie. Quando si legge un bel libro è con loro che si fa amicizia, non con l’autore.

Che fine hanno fatto Don Abbondio, Renzo, Lucia e tutti gli altri? Enrico Mazzardi ha raccolto informazioni sulla loro vita – I promessi sposi è un libro che, volenti o nolenti, molti italiani hanno letto – e il risultato è tra le pagine di Soggetti smarriti. Ma non c’è solo Manzoni: ci sono Stevenson, Melville, Pirandello, Süskind, Kafka, Joyce, … Mazzardi ha riscritto le vite dei loro personaggi.

In alcune storie i personaggi sembrano quasi attori al soldo dell’autore, in altre sono più simili al proseguimento dei romanzi dai quali sono tratti, e altri, infine, si distanziano maggiormente. Ce n’è per tutti i gusti, insomma, ma la cosa più bella è che in questo gioco di riscritture (vecchio quanto la prima narrazione) si crea una rete fitta attraverso la quale i personaggi sono liberi di muoversi, di vivere ancora una volta e di incontrare nuovi personaggi. La riscrittura rompe le catene del primo autore.

Così, finito Soggetti smarriti, è impossibile non spegnere la luce e immaginare le vite di tutti i personaggi che abbiamo amato e che nessun – ancora – ha liberato.

Il libro poi lo trovate qui e qui e qui, e pure qui. (Su Amazon le copie potrebbero essere finite, dato che ne tengono sempre poche. Ma ordinatele pure, arriveranno, abbiate fiducia nella Provvidenza. Oppure ordinate la vostra copia presso la più vicina Feltrinelli. Insomma, vedete d’arrangiarvi, non posso pensare a tutto io.)

[Enrico Mazzardi]

About these ads
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.581 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: