Drive

Un film del 2011 girato da un regista danese (Nicolas Winding Refn, saggiamente premiato a Cannes nel 2011), che vive nella splendida discrasia creata dal contrasto tra la nitidezza delle sue immagini e il suo alone anni ’80 dettato dai caratteri dei titoli di testa rosa schoking e dalla splendida colonna sonora (attribuita proprio nei titoli di testa – misteriosamente ed erroneamente – ad Angelo Badalamenti. Al secolo “Quello delle musiche di Twin Peaks”).

Drive parla di silenzi, di affari loschi con gentaccia (non me ne voglia quel bonaccione di Ron Perlman), di una storia d’affetto, di protezione, non lascia spazio alle banalità e affronta con il passo pacato ma inarrestabile del protagonista (un Ryan Gosling che sembra nato per questa parte) una trama che si annoda e si snoda con scioltezza dall’idillio metropolitano di un laghetto suburbano a un vero e proprio laghetto di sangue.

Ma a stupire, su tutto, è proprio l’armonia del girato, la fattura, i ritmi del film che passano dalla velocità di una Ford Mustang alla surreale lentezza di un ascensore.

Mi direte: ma non ci hai detto nulla della trama. Cosa me ne frega a me della trama, dico io. Io sto solo cercando di consigliarvelo. Quindi calmini. La trama la trovate qui. Un assaggino, ovvero i titoli di testa summenzionati, li trovate qui sotto.

E ora guardatevelo, che è uno dei migliori film degli ultimi anni.

[Enrico Mazzardi]

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: