Soggetti smarriti (Questi non sono i Promessi Sposi)

Soggetti smarriti (Questi non sono i Promessi Sposi)

No, questo libro non lo troverete facilmente in libreria.

Sì, lo troverete agevolmente su internet.

No, non dovrete nemmeno uscire di casa per comprarlo.

Sì, dovrete saper usare il mouse e il pc che state fissando con le sopracciglia aggrottate proprio in questo momento.

No, se pagate con la vostra carta di credito non vi svuoteranno il conto in banca.

Sì, se proprio non vi convince l’acquisto via internet avete la facoltà di ordinarlo nella vostra libreria di fiducia, dai.

No, non dovrebbero opporre resistenza i librai, anche se talora sono tentati dal farlo.

Sì, secondo me vi potrebbe divertire, intrattenere, insomma non farvi dispiacere il leggerlo.

No, non costa tanto, 12 euro non sono un’esagerazione, siate onesti, avete speso somme maggiori per cose ben più frivole, ammettetelo.

Sì, ora vi dico di cosa parla, ma in breve eh.

No, non è un libro alla Saviano, ma cosa c’entra?

Sì, al massimo è un gioco letterario, chiamiamolo così, ma non è nulla di complicato, anzi.

No, guardate, non è difficile da leggere, è leggero.

Sì, tratta di personaggi letterari famosi, sono loro i protagonisti del libro.

No, non siete obbligati a conoscerli.

Sì, in effetti se avete letto libri come I promessi sposi (soprattutto I promessi sposi, ché lo so che tutti hanno un minimo presente I promessi sposi, l’abbiamo fatto tutti a scuola), Madame Bovary, Il fu Mattia Pascal, Dracula, Barleby lo scrivano, I viaggi di Gulliver, Delitto e castigo, la lettura vi sarà più immediata, e vi farete qualche sorriso in più, spero.

No, non è obbligatorio però, potete leggere i racconti presenti nel libro anche così, senza pensarci troppo su.

Sì, insomma, ho preso dei personaggi letterari e mi sono detto: facciamo finta che siano come degli attori, che recitano una parte in un libro e poi si ritirano a vita privata.

No, non hanno vite esaltanti.

Sì, sono parecchio tapini.

No, non sono tristi, ma tragicomici.

Sì, ora vi do i link esatti ai tre siti più famosi e affidabili su cui potrete comprarlo, cosa volete di più: Amazon, IBS, LaFeltrinelli. Oppure, ripeto per gli amanti delle librerie, potrete sempre intimare al libraio di turno il fatidico e infallibile: “fatemelo arrivare”.

No, la postfazione non l’ho scritta io, l’ha scritta Paolo Albani.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

5 thoughts on “Soggetti smarriti (Questi non sono i Promessi Sposi)

  1. popinga ha detto:

    E un poveretto che non possiede alcuna carta di credito, fissa, provvisoria, ricaricabile o transeunte, come fa? Io il libro di Enrico Mazzardi postfato dal grande Albani lo voglio!!!

  2. enricomazzardi ha detto:

    Giusta osservazione.

    Alternative:

    Si può andare in una libreria di fiducia e dire: fatemi arrivare questo libro! Ordinatelo e arriverà.

    Oppure seguire le modalità indicate sul sito ufficiale della casa editrice: http://www.ilfoglioletterario.it/Acquista.htm

  3. popinga ha detto:

    Grazie. Domani lo bonifico e lo ordino. Stimantemente. Pop

  4. […] Toh, sul Bresciaoggi Enrico Grazioli parla di Enrico Mazzardi e del suo bislacco libercolo: […]

  5. […] Qualcuno era un po’ grasso (SenzaPatria Editore) di Mattia Filippini (co-fondatore, insieme a Enrico Mazzardi, di Rivista Tupolev). Beh, io ne ho disegnato la copertina! Appena ci sarà una data definitiva ve […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: