Gipi

Tratto da qui.

Stan Lee, Steve Ditko, Michelangelo. Tutti incazzati con me.

23 novembre 2010

E’ successa una cosa che voglio raccontare.
Mi arriva da fare un disegno per Repubblica.
Funziona così: mi arriva una email con un articolo. Mi chiama il mio capo a Repubblica e mi dice una scadenza.
Non mi dice ingombri, spazi, non dà indicazioni di sorta. Sono tanti anni che lavoriamo insieme. Non c’è bisogno.
Leggo l’articolo e so di doverlo illustrare.
E’ l’intervista all’autore del volume “Mainstream”, Frédéric Martel.
Il volume parla di tante cose, immagino. Nell’estratto che arriva a me per il lavoro, si parla di cultura alta e bassa, di mainstream e popolare. Facciamola breve. Si tratta, per quel che ho capito io, di rappresentare una sorta di equivalenza tra cultura di massa e cultura d’elite.
Non so cosa voglia dire ma so che mi viene questa idea qui.

Il disegno esce sul giornale.
Due giorni dopo mi arriva una segnalazione.
“Gipi!” mi dice la segnalazione “Sei una merda, hai copiato questo artista che ora sarà incazzato nero!”
Questo artista si chiama Giuseppe Veneziano.
Ha dipinto questo.

Wow! Penso, quando vedo il dipinto. Un altro uomo ragno in braccio a una femmina!
Non so perchè ma al principio l’idea che due persone che non si conoscono abbiano disegnato una cosa simile, mi fa piacere. Mi fa piacere pensare che anche altri hanno immaginato un uomo ragno inerme e sdraiato in braccio a una donna.

Poi rispondo alla segnalazione spiegando che mi occupo solo di artisti morti e quindi non conoscevo l’esistenza e l’opera di Giuseppe Veneziano e che casomai avrebbero dovuto incazzarsi, nell’ordine, Michelangelo, Stan Lee e Steve Ditko.
Naturalmente vado a vedere i suoi dipinti (di Veneziano) e scopro che di Uomini Ragni ne ha fatti moltissimi. Io ne ho fatto uno solo, e qui la mia ingenua contentezza per la condivisione delle idee scema un pochino.

Rispondo pure che in effetti io questa cosa l’ho copiata, naturalmente, ma non dal pittore vivente: dal maestro morto. Insomma, se qualcuno deve prendersela a male, dovrebbe essere Michelangelo, anche conosciuto, in casa mia, come “The God”.
Nella versione originale, è opportuno sottolinearlo, in braccio alla Madonna c’è Gesù Cristo”.

Mi si risponde invece che il pittore vivente è molto conosciuto (se andate sul suo sito trovate anche un testo dell’onorevole Sgarbi che ne parla) e che quindi io sia un ignorante nel campo dell’arte contemporanea, che avrei dovuto conoscerlo.
Ora, il problema è che io, come detto, mi interesso solo ai pittori morti o a quelli che per scelta o talento sembrano già morti, insomma fuori dal tempo o che fanno opere “monumentali” come direbbe il mio amico David Tindle.
Dove “monumentali” non indica una dimensione ma una collocazione fuori dal tempo, dal momento, dall’attualità maledetta.
Quindi, mi dispiace un casino ma io questo pittore non lo conoscevo. Di giovani pittori moderni conosco solo Ozmo, perchè giocavamo al computer insieme, da giovanotti.

Poi succede un altra cosa buffa. Guardando i dipinti di Veneziano trovo anche una Madonna con bambino Hitler.
Ora non la trovo più ma c’è. Andate sul suo sito web e cercatela.
Ecco. Qualche giorno fa, mentre ero al telefono e giochicchiavo con la tavoletta grafica, avevo fatto questo:

Ho salvato l’immagine con il titolo “Madonna con bambino Adolfo”.

Ora la domanda è: Cosa mi sta succedendo?
Perchè in una settimana mi sono ritrovato a fare due disegni già esistenti, più o meno, come soggetto?
La risposta che mi sono dato, alla fine, è che le idee, le intuizioni, le furbate, l’essere acuti, nell’arte non contano un cazzo.
Non sono nulla.
Chissà quanti altri hanno fatto Madonne con bambino Adolfo. E’ normale, è una cazzata. Un’idea furbina, un po’ figa. Ma se anche fosse geniale (e non lo è, e sia maledetto questo termine abusato, da me pure) non varrebbe una minchia.
Perchè è solo una cazzo di idea. Una “trovata”.
(Parlo della mia idea, sicuramente Veneziano può spiegare le sue motivazioni in modo assolutamente ineccepibile).

Ora fate questo.
Prendete questa immagine (o andate sul luogo, se potete) e guardate (ma guardate davvero) il viso di Maria.

Guardate la tenerezza del guancino e l’inclinazione infinitesimale dell’asse degli occhi.
Il cencio in capo. Guardate quello. Finitevici gli occhi su.
E piangete, cani, se siete ancora in vita, dopo.

Poi fermatevi e ripetetevi: E’ di marmo. E’ di marmo. E’ di marmo.
E riflettete sulla miseria di noi moderni.

Contrassegnato da tag , , , ,

2 thoughts on “Gipi

  1. Mammolo scrive:

    Questa frase: “Chissà quanti altri hanno fatto Madonne con bambino Adolfo. E’ normale, è una cazzata. Un’idea furbina, un po’ figa.” è di un’intelligenza spiazzante.
    p.s. e comunque nemmeno io conoscevo questo Veneziano.

  2. mattiafilippini scrive:

    bello questo pezzo, vero? poi ti piace il Gipi, a te?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: