Fortunil

racconto tratto dall’ebook Cronache di una sorte annunciata, vol.1 (l’ebook è scaricabile qui).

di Enrico Mazzardi

Patrizio la mattina si sveglia, si mette seduto sul letto, che è così basso da sfiorare terra con la rete, e con grande attenzione bada a metter giù il piede destro prima del sinistro, pur restando nella semioscurità della sua stanza, dove per motivi di sicurezza gli scuri son sempre chiusi e filtra una luce striata e tenue. Una volta in bagno guarda le sue occhiaie a fatica nel riquadro centrale dello specchio, l’unico lasciato libero dall’imballaggio di polistirolo che lo protegge da eventuali cadute. È un uomo molto cauto e prudente, Patrizio: una volta sceso per strada, non s’arrischia mai ad attraversarla. Abita in un quartiere dove s’incontrano pochi gatti, e dove raramente compaiono scale sui camminamenti pedonali. Si reca in ufficio percorrendo un chilometro a piedi sullo stesso marciapiede; al ritorno dal lavoro, si ferma presso un negozietto posto sullo stesso lato della strada a prendere qualche alimento per la cena.

Una vita un po’ limitante, quella di Patrizio: mai uno svago, sinonimo di rischio per lui, né la concessione di una deviazione dal percorso abituale che lo porta alternativamente a casa o al lavoro. Ma la vita, si sa, riserva sorprese, specie per chi le rifugge, come Patrizio, che ha sempre temuto di essere eccessivamente sfortunato. Avendo eliminato l’imprevedibilità della vita, pensava di aver allontanato qualsiasi rischio; tuttavia ora non avrebbe dovuto più curarsi dei suoi patemi. Dall’altro lato di quella strada che lui non attraversa mai, Patrizio scorge un cartellone di modeste dimensioni, sul quale un omino in tuta blu sta incollando un avviso. Tendendo gli occhi, si può leggere giusto: Fortunil.

Il medico di base presso il quale si reca Partizio per il check-up annuale, il cui studio è situato ovviamente sempre sullo stesso lato della strada, spiega le proprietà del nuovo prodotto – sminuendone la presunta efficacia – a Patrizio, che anche solo messo di fronte alle miracolose potenzialità del farmaco, non indugia un istante a procurarsene una confezione. Rientrato in casa, colmo d’eccitazione, sfoglia il bugiardino saltando di punto in punto. Assumere due capsule al giorno, lontano dai pasti. Tre capsule al giorno in casi di grave malasorte. Per dosi superiori, consultare il medico… Libera dai sintomi della sfortuna e allieva dai raffreddori grazie alle proprietà decongestionanti del mentolo… Effetti collaterali: si sono registrati rarissimi casi di ritenzione idrica, ipersensibilità elettrostatica e resistenza alle sfortune acute nel gioco d’azzardo…

Ma la libertà dal rischio della sfortuna non ha prezzo, e Patrizio ingoia tre capsule al giorno, qualunque cosa gli accada, succeda quel che succeda.

Non ha più paura, e sono già due mesi che attraversa la strada anche se non ve n’è alcun bisogno, è più socievole sul posto di lavoro e coi vicini di casa, sorride, non ha più le occhiaie e ha comprato un gatto nero da tenere in casa. Gli gira intorno alle gambe mentre il padrone cucina, e fa le fusa strusciandosi. Lui non si preoccupa più nemmeno di versare un poco di sale sul piano cottura.

Patrizio però muore due settimane dopo aver iniziato la cura: aprendo la finestra, col sole splendente in cielo, viene colpito in pieno petto da un fulmine. I vicini non vedendolo da una settimana una settimana chiamano la polizia, che entrando in casa lo trova riverso sul pavimento della camera da letto, con le braccia spalancate. Probabilmente Patrizio stava salutando un nuovo giorno fortunato, a occhi chiusi, col sole in faccia.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: