Guardiapesca

[Enrico Gregorio]

Illustrazione di Fatomale

-Poi qui giro a destra?

-Sì dopo quel pilone. Qui ci venivo sempre con la moto.

-Sembra carino.

-C’è una bella pista, e pure una di go-kart con un baretto che fan dei panini troppo buoni; ma non è bella come quella di Busca.

-Mai andato.

-Troppo bello. Quella di Busca è più grande, con tante curve, tornati e robe così.

-Una volta con mio zio ho fatto sci nautico.

-Sembra di essere seduti per terra, fighissimo, hai proprio l’idea della velocità. La vedi proprio e la strada che si restringe. Dobbiamo andarci una volta, io e Fab ci siamo andati l’altra estate; avevamo fatto pranzo in sto baretto anche.

-Oggi ero in palestra, anzi stavo già andando via e uscendo ho incrociato Stefano. Gira un po’ intorno e a un certo punto, dal niente, fa -però mica male Claudia eh? . Che era uscita da un quarto d’ora. -eh niente male, ma non dicevi che aveva messo su il culone? e lui –eh sì, però minchia c’ha un sorriso. Allora lì ho capito che doveva averci fatto due parole, del tipo che ora ha cambiato di nuovo idea. Gli avrà detto –ciao Stefano e lui tac si è bello che sciolto. Volevo quasi dirgli –niente male no, ci ho appena fatto quaranta minuti di cyclette assieme, e abbiamo parlato tutto il tempo.

-Bastardone.

-Ma bastardone, è così. Ero lì che facevo cyclette e lei si è messa su quella a fianco e si è messa a parlarmi. Tipo che lei ne doveva fare giusto cinque minuti e invece alla fine ne ha fatti mezz’ora con me. Solo che io non riuscivo a tenere il mio ritmo, che dovrei bruciare tot calorie, e per parlare non potevo andare bandato come volevo. A una certa le faccio -ehi ma ne hai già fatto un bordello! E lei -eh già, ma non sono mica stanca. Niente così mi sono fatto mezz’ora di cyclette mal fatta e poi mezz’ora seria per bruciare.

-Per quello sei cotto.

-Yeah.

-Ma sta Claudia esce ancora con Alex Ferrua?

-Mai uscita con Alex. Si vedeva con Billy Costamagna. Si vedeva, oddio credo, non so se escono ancora assieme. Perché?

-Ma chi è Billy Costamagna?

-Sarebbe Davide, quello alto magro. Un po’ sfigato.

-Ah ma chiodo! Noi lo chiamavamo chiodo, com’è che è famoso come Billy?

-Perché dicono che assomiglia a Billy Elliot.

-Ma dove?

-Eh non lo so. Però sto Billy è cugino con Alex Ferrua. Sto stronzo; alle medie gli avevo prestato dei giochi per la play e deve darmeli ancora adesso.

-Che stronzo.  Ecco per quello li confondevo. L’altro sabato ho parato il culo a sto Ferrua, alla festa della birra di Montanera. Non lo posso vedere è un blagueur come suo padre, uguale. Sta sempre sulla sua BMW del cazzo a gaggiarsela, passa quando vuoi, lui va avanti e indietro per il paese. Sì anche come suo fratello, ha imparato da lui, dai parenti si impara sempre male.

Due o tre volevano dargliele. Non so perché volevano dargliele ma uno così si merita solo quello, ma io gli ho parato il culo. Non li ho mica picchiati eh. Mi solo alzato e ho detto –oh cazzo fate? . Quelli lo hanno subito lasciato stare. Così suo padre mi deve un favore.

-Come un favore?

-Eh cazzo, se non c’ero io glielo menavano, gli ho proprio salvato il figlio. Gli ho fatto un bel favore a suo padre, adesso è in debito. Ha un debito con Fede. Lunedì pomeriggio gli ho telefonato e gliel’ho detto. Gli faccio:- chiedi un po’ a tuo figlio che ha fatto sabato, e lo sento –che hai fatto sabato? e l’altro che gli racconta così e così.

-Sì ma che favore vuoi che ti faccia?

-Ohi guarda che io sono un uomo libero, e via. Sto bastardo mi ha beccato tre volte a pescare di frodo e adesso siamo pari e spero che non mi becchi più  e sia come sia.

L’ultima volta eravamo in tre, a pescare di frodo, io e, va beh non sono importanti i nomi. Eravamo al buio, senza pile né niente. Certo punto, buio pesto, sento dei rumori. Un rumore piano, leggero, sulla ghiaia. Tipo dei passi. Faccio –fermi tutti. E lascio scivolare la rete nell’acqua. Dio fa salta fuori sto bastardo di sto guardiapesca, Ferrua. Ci fa –oh che fate qua?! . E io – facciamo quello che fai te qui a quest’ora. E lui –io sono di turno a fare il guardiapesca, e voi invece siete di turno a pescare di frodo. Allora sono saltato su è gli ho fatto- oh dai va che c’è crisi, bisogna arrangiarsi come si può e noi ci arrangiamo. Si è incazzato come una bestia. Gli faccio –oh vai va che ce l’hai anche la rete e ci vai pure tu a pescare di frodo, ci andavamo assieme. Stai zitto va! Lui-cosa?! Dio fa ti faccio una multa che non finisce più!

Tipo adesso c’è l’acqua grossa e non si può andare, però tra un po’ di tempo si potrà. Basta andare vicino ai buchi fondi: è lì che si nascondono. Entri dentro con calma nell’acqua, senza fare ciaf ciaf, e butti la rete dentro i buchi.  Perché i pesci adesso che l’acqua è grossa vengon giù dal Tanaro e si nascondono dentro le tampe dove l’acqua è più profonda. Poi di notte escono in pastura lì intorno. E allora basta andare lì, bello silenzioso e buttare la rete. Io ho tre reti: due un po’ più piccole e agili, non tanto alte. E poi ne ho una a strascico, con proprio i pesi. Ma ne prendi eh con quella a strascico, ne prendi un quintale così, tu la butti e loro sono tutti lì, basta tirare. Ma io ci sono andato quante volte con lui a pescare di notte. E eravamo lì che litigavamo e gli altri due che erano lì niente zitti e parlavo solo io. Pensare che sono più vecchi di me. Siamo andati avanti un ora a litigare. A un certo gli faccio –senti facciamo così tu fai finta di niente, io se vedo tuo figlio in giro, tipo a ballare se qualcuno gliele vuole dare io gli paro il culo. Lui sta un po’ e mi fa –va bene. Perché tanto mio figlio è un coglione. Così sarà.

-Assurdo.

-Oh. Comunque così è andata e adesso io e lui siamo pari. Ah ma a me piace darle, però è un po’ che non mi diverto. Perché tanto che sono basso non conta un cazzo. L’importante è essere cattivi, anche se me le prendo non me ne frega niente. Una volta sono andato alla festa di leva ai Corvi, c’era un tendone là in un campo, e mi sono messo a litigare con uno. Diceva che avevo toccato il culo alla sua tipa, una che ballava sul bancone. –Fede! Tu l’hai finita di combinarne, questa è la volta che la molli di fare i furbo. –oh dai hai solo da venire, gli ho detto. Si è avvicinato e gli ho tirato un pugno sul naso e un calcio nei coglioni. Anzi no, prima un calcio nei coglioni e poi il pugno. C’era un suo amico con lui come vede quello mi fa –no no dai dai scusa. Con la mano aperta davanti a me. –Dio fa se quello me le dava venivi anche te, e non te ne fregava un cazzo se ti chiedevo scusa, gli ho detto. Poi gli ho preso la mano e crac gliel’ho girata dall’altra.

-Madonna santa.

-Una volta a uno, un bastardo, gli ho tirato un calcio nei coglioni e poi quando era per terra due calci nelle coste. I suoi amici mi urlavano –no no lo ammazzi! . Figurati. Gli ho rotto due coste e poi mi ha denunciato. Seicento euro, ho dovuto pagare seicento euro per sto stronzo. Ma io là all’avvocato gliel’ho detto sto qua mi ha minacciato e se non facevo niente me le dava. E lui fa che avevo solo da non rompergli niente. E allora io gli faccio- ma io vi pago anche trecento euro per la prossima volta, così siamo a posto in anticipo. Vi do trecento euro e lasciatemi solo che gli spacco la testa subito. E mio padre in piemontese –stai zitto va che ne combini di tutti i colori.

-Aahahaha. E’ quella la pista da cross che dicevi?

-Sì, ma da qua non si vede bene, c’è tutta una parte nascosta, più avanti.

-Bella.

-In sta zona il padre di Cucciolo una volta ha investito un capriolo con il fuoristrada e il giorno dopo lo han mangiato a casa sua. Erano in cinquanta, lui, gli autisti dell’ Ief e tutti i vicini.

Contrassegnato da tag , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.584 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: